White Oblivion

Your awesome Tagline

1.058 note

Anonimo ha chiesto: Fai il gioco dei nomi?

minutrodiaria:

Uso questa domanda per raccontare una cosa che mi è successa.

Un giorno, un ragazzo mi contatta su Kik dopo aver visto un mio disegno. Mi fa i complimenti ed iniziamo a parlare.
Scopro che è di origini del nord europa, infatti ha i capelli biondi, occhi azzurri e pelle chiara.
Subito entriamo in sintonia e mi piace moltissimo parlare con lui, peccato sia di Milano.
È appassionato d’arte e mi manda alcune foto che ha fatto…e wow!
Mi mostra anche il diario che usa per andare in giro e disegnare, e giuro che non ho mai visto cosa più bella.

Insomma, fino ad ora non avevo mai incontrato uno così.
Ed iniziavo ad essere interessata a lui, anche perché mi sembrava ricambiare.
È uno di quelli che ti parlano delle costellazioni e non di ubriacature, uno con cui parlare di bei libri e non di feste.
E per la prima volta in 16 anni ho pensato ‘non me ne frega della distanza, voglio conoscerlo’.
Ma soprattutto è stato capace di farmi scordare, quando parlavamo, del ragazzo di cui ero innamorata.

Così continuammo a parlare.
Anche se non era il mio ideale di bellezza con quei tratti troppo dolci e da bambino, lo trovavo bello. Ha una voce dolcissima, profonda, una di quelle che staresti ad ascoltare anche se parla dei panini del fast food.
E sapeva (e sà) capirmi meglio di chiunque altro, forse perché alcune cose le ha passate anche lui. E forse perché dice che un buon artista non è mai felice, chissà.

Avevamo parlato spesso d’amore ma non delle nostre situazioni private.
Così un giorno prendo coraggio e gli chiedo “nella situazione amorosa, come stai messo?”.
Io tipo mi vedevo già sposata con lui, all’altare.
Con bambini biondi ed intelligenti che preferiscono un libro al Nintendo DS.
Già mi vedevo in Danimarca dai suoi parenti.
Finché mi rispose.

"Eh, insomma….ormai anche i ragazzi gay sono stronzi"


MADONNA ALLUVIONATA.